Sport

I rossoblù tornano da Cittadella con un passivo di 2-0, ma non demeritano. Dubbio sul primo rigore per i veneti e su un gol annullato a Tutino.

Sono arrivati da lontano, sono stati ore sotto il sole. Nessun rispetto per gli appassionati che volevano solo vivere una sana giornata di sport.

L'ex terzino prende foglio, penna e scrive alla "sua" ex squadra che riabbraccia, dopo 15 anni, la serie cadetta. Il 4 giugno 1989, nella partita interna contro l'Udinese, al 10' del secondo tempo, Lombardo con una potente conclusione dal limite dell'area colpi un clamoroso palo, rimasto affisso nel tempo nelle menti dei tifosi cosentini. Alla fine la gara terminò in parità, 0-0, e sfumò l'opportunità per i Lupi di accedere nella massima serie. 

Ad Ascoli la squadra ha dimostrato di essere matura e compatta, con i giocatori nei ruoli cardine che hanno fatto tutti bene. 

7 giornalisti espongono il loro pensiero al riguardo della nuova stagione che il Cosenza si appresta ad affrontare. Tiene banco nei testi anche la situazione della Serie B in attesa del parere del Collegio di Garanzia del Coni. 

A meno un giorno di distanza dall'inizio del campionato dei Lupi parla un ex. Urban è stato componente della rosa rossoblu, allenata da Bruno Giorgi, che sfiorò la Serie A mancandola a causa della classifica avulsa. Furetto in mezzo al campo, venne definito da Corrado Viciani (inventore del "gioco corto", primo ad introdurre il pressing e pioniere del tiki-taka spagnolo) vi definì:"giocatore insostituibile per qualunque squadra che ha la fortuna di possederlo. La Serie C è una categoria che gli va stretta. Urban è unico. Riesce a fare delle cose incredibili".

Il Cosenza esordirà in B con il modulo con cui trionfò nei playoff della scorsa stagione, il 3-5-2. In porta ci sarà Saracco, mentre a centrocampo Mungo potrebbe essere posizionato nel ruolo di regista. L'Ascoli ha dalla propria l'attaccante Ardemagni. Intanto, la Figc proroga il calciomercato. Il Cosenza valuta proposte per tre calciatori. 

I Lupi tornano in B dopo 15 anni, domenica l'esordio ad Ascoli. Parla un veterano della maglia rossoblu, Gigi Simoni, designato nell'anno del centenario come miglior portiere della storia del Cosenza calcio. L'ex portiere confessa: non sono molto esperto di questa serie B e l’amore per il Cosenza non mi permette di essere totalmente obiettivo.

Domani e dopodomani sono gli ultimi giorni di calciomercato (termina venerdì alle 20), il Cosenza alla ricerca di un attaccante ed un centrocampista con occhio alle cessioni. Tiene banco la questione stadio, mentre in campionato i Lupi esordiranno ad Ascoli.