Editoriali

L’Europa potrebbe ancora rialzarsi. Sì, potrebbe rialzarsi se avesse il coraggio di guardare alla profondità delle sue radici. Quelle radici che hanno inventato gli ospedali, l’attenzione per gli ultimi, il diritto e la giustizia, la solidarietà e la fratellanza, quelle radici che ancora inventano l’economia di comunione, il valore della persona, l’accoglienza e la bellezza della vita, quelle colossali radici cristiane che hanno la pretesa di fondare una società autenticamente umana.

Dopo la lettera pastorale dei Vescovi calabresi nel sesto centenario della nascita del Santo Patrono..."Chissà come avrebbe reagito Francesco di fronte ai mafiosi che si macchiano dei peggiori soprusi e poi lo portano in spalla nelle processioni".

L’anno santo voluto dal Papa va nella direzione della conversione personale e dell'impegno verso coloro che si trovano in difficoltà, in quelle periferie dell’esistenza dove non deve mai mancare il messaggio di amore e di speranza che è proprio di ogni Giubileo.

Il pettegolezzo è uno dei peccati più diffusi, alberga facilmente nella Chiesa, forse perché è l'espressione della tentazione più brutta, dell'odio e della gelosia che satana fa serpeggiare tra le mura delle chiese, delle curie e dei luoghi per sbriciolarli. È come il veleno dello scorpione o come la pietra scagliata contro l'inerme

Dall'inizio del 2015 ad oggi sono morte in mare 4.200 persone, tra cui 330 bambini solamente in Grecia. Che ne è della commozione di tutto il mondo davanti alla foto del piccolo Aylan sulla spiaggia turca?  Continuiamo a voltare tutti gli occhi da un'altra parte, continuiamo a far finta di non vedere. C'è da vergognarsi di essere europei. Punto e basta.

A Matera un incontro sulla comunicazione nel tempo di Francesco.

“Volevamo uccidere qualcuno solo per vedere che effetto fa". E' quanto Manuel Foffo, ha raccontato al giudice in relazione all'omicidio di Luca Varani, avvenuto a Roma con modalità troppo crudeli nel corso di un festino a base di droga e alcol. La risposta della psichiatra è che potrebbe trattarsi di sensation seeking, ovvero di ricerca di emozioni forti. Molto diffusa fra i giovani di oggi. Non bisogna cedere alla disumanità spettacolarizzando l'evento. Cercare briciole di umanità per ripartire.

Pasqua, storia di un amore crocifisso e risorto, possa infiammare il cuore di ciascuno di noi e spingerci a gridare per le vie del mondo, la gioia della misericordia che salva, rinnova e trasforma la vita di chi l’accoglie e la dona ai fratelli e alle sorelle che incontrerà lungo la storia della sua vita

Francesco auspica un rilancio del processo di integrazione che passi attraverso sentieri di rigenerazione storica, culturale e identitaria. Ma la memoria non chiede "l’automatismo delle fotocopie", bensì la creatività di pagine inedite e coraggiose come risposta alle paure e ai nazionalismi che attraversano il Vecchio continente.

Se alcuni media danno rilievo alla possibilità di abbandonare la Chiesa cattolica, tralasciano un dato che va in controtendenza e numericamente ben maggiore: la decisione di quei adulti di entrare nella Chiesa, chiedendo il battesimo, o di confermare la propria adesione, domandando il sacramento della cresima.

Gli incontri con i giovani sono sempre una festa fatta di gioia e colori. Ma questa volta a Morelia, gioiello del barocco coloniale e patrimonio dell’umanità, si è davvero superato quanto fatto in Brasile, nelle Filippine, in Corea, in Australia. La coreografia non è soltanto sui palchi ma anche sugli spalti dello stadio.

La scelta per l'Irc non è un adempimento solo formale, così come non è un adempimento solo formale quello dell'iscrizione a scuola che può essere invece un'occasione significativa di riflessione e conquista di consapevolezza sulle scelte educative, sui fini della scuola, in ultima analisi sugli orientamenti per il futuro di studenti e famiglie.

La presenza del Santo nell'Urbe è un'occasione propizia per fare esperienza di Giubileo attraverso una figura che ha saputo donare l'amore di Dio ai fratelli.

Il messaggio di Papa Francesco è rivolto anzitutto a noi cristiani, che spesso dimentichiamo la misericordia, che non può essere fatta di belle parole o di nobili sentimenti, ma deve diventare solidarietà concreta che porta salvezza. A livello personale, certo, ma anche nell’impegno sociale e pubblico. Ne va di mezzo la salvezza del mondo. E, lo dico sottovoce, il futuro dell’Europa.

Non basta fissare una data celebrativa (cui non si deve certo rinunciare), occorre anche agire concretamente perché "la memoria viva" degli orrori del recente passato non ci consenta – come antidoto efficace – di violare ancora la dignità degli esseri umani, soprattutto se in condizioni di disperazione e pericolo. Né di voltare lo sguardo dall'altra parte, quando questo accade. Per imparare, insieme, ad essere migliori, "memori" e non "smemorati".

Non basta fissare una data celebrativa (cui non si deve certo rinunciare), occorre anche agire concretamente perché "la memoria viva" degli orrori del recente passato non ci consenta – come antidoto efficace – di violare ancora la dignità degli esseri umani, soprattutto se in condizioni di disperazione e pericolo. Né di voltare lo sguardo dall'altra parte, quando questo accade. Per imparare, insieme, ad essere migliori, "memori" e non "smemorati".

I millecolori che danno sapore alla vita rilucono nel binomio fecondo che unisce comunicazione e misericordia. Più che opera di navigatori solitari, questa tensione è missione della Chiesa intera, così che nel suo dire e nel suo fare, nei suoi contenuti e nelle sue forme, viva un preciso “tratto distintivo”

Trentasei nomi (ora ridotti a ventuno) di senatori del Pd che hanno espresso dubbi sulla cosiddetta stepchild adoption, la possibilità di adottare il figlio biologico del compagno prevista dal disegno di legge sulle unioni civili, sono apparsi ieri sul sito Gay.it. Il messaggio è chiaro: da oggi nessuno si senta più libero di esprimere le proprie idee, se non vuole che il suo nome finisca nella lista dei cattivi...

Domenica 17 gennaio celebreremo in tutte le 27mila parrocchie italiane la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato. Le Migrantes di Roma e del Lazio porteranno oltre 6mila migranti e rifugiati in piazza S. Pietro all’Angelus di papa Francesco. Sarà un incontro, una festa.

Non siamo di fronte ad un’interpretazione “buonista” come spesso s’intende, quanto piuttosto al riconoscimento di un fenomeno che interpella le libere coscienze; uno stimolo a impegnare la propria libertà per promuovere una maggiore giustizia a servizio della verità. Papa Francesco chiede agli Stati e ai Governi di superare la distinzione che si è ormai consolidata, soprattutto in Europa, tra rifugiati che fuggono da guerre sanguinose e regimi totalitari e i cosiddetti migranti economici.

Bisognano, signore, almanacchi? Chissà come andrà questo 2016? Lo sapremo solo al prossimo 31 dicembre, ma intanto in Rete gira una vecchia barzelletta: "Sono andato da un veggente, ho suonato il citofono e mi sono sentito chiedere: 'Chi è?'. Ah, cominciamo bene…”

Non c’è più il posto fisso, una famiglia “normale”, una etnia e un’unica religione che ci accomunano eppure ci possono essere valori che ci uniscono, che ci richiamano al dovere di educare la propria coscienza ad aprirci all’altro, alla condivisione ad una comunione che è più grande del giardino che ci circonda. C’è un senso di umanità in Checco, sebbene possa essere caustico e volgare in certe sue battute. La sua forza sta, però, nel codice comunicativo che usa, che sa “risvegliare” gli animi più assopiti e a volte troppo “perbenisti” (una necessità, potremmo dire).

Papa Francesco ha aperto la Porta Santa della  basilica liberiana. Quella Porta - Porta del perdono - che si apre verso la madre del Signore, colei che per “benignità”, scrive Dante nel trentatreesimo canto del Paradiso della Divina Commedia, non solo soccorre chi chiede aiuto, e qui si manifesta la sua misericordia, ma interviene “liberamente” ancora prima della richiesta, e qui si manifesta la sua pietà

Il Capo dello Stato nel suo primo messaggio di fine anno agli italiani ha deciso di non parlare in politichese, di non occuparsi del Palazzo e delle sue logiche di potere, di non lanciare messaggi palesi o sibillini alle forze politiche o alle altre cariche dello Stato. Piuttosto, per il suo discorso ha scelto un taglio sociale. Meglio, antropologico.

Molto citata, facilmente fraintesa, spesso sottovalutata o svalutata, ma talmente ricca nella sua essenza che rimanda alla stessa dimensione costitutiva della Chiesa.