Chiesa

Lettera di  Papa Francesco all’Arcivescovo di Torino: mi unisco anch’io alla vostra supplica, rivolgendo lo sguardo all’Uomo della Sindone. La diretta televisiva su TV2000 alle ore 17.

Quest’anno niente Messa Crismale, ma il rinnovo delle promesse sacerdotali è più forte che mai.

"La Pasqua non è un mito, è la verità cui ci aggrappiamo”. Da Gerusalemme, il Custode di Terra Santa padre Francesco Patton, invita ad “alzare lo sguardo verso il Sepolcro vuoto di Cristo” e non a “fermare il nostro cuore al Venerdì Santo”. Nella Città Santa, seppur vuota di pellegrini e con la Basilica del Santo Sepolcro chiusa ai fedeli, la Pasqua 2020 sarà più che mai nel segno della Resurrezione nonostante il Coronavirus Covid-19. "La Basilica vuota è in qualche modo il riflesso del senso di vuoto che l’umanità sta vivendo. Ma la tomba vuota è il segno della vittoria sulla morte".

Prosciolto oggi da ogni accusa e rimesso in libertà dopo 400 giorni di detenzione. È la sentenza choc emessa questa mattina dall'Alta corte, l'organo di giudizio finale in Australia, nei confronti del cardinale George Pell, condannato per pedofilia a 6 anni. “Mi sono sempre dichiarato innocente”, commenta il cardinale: “Tutto si è risolto oggi con la decisione unanime dell’Alta Corte”. Il presidente dei vescovi australiani assicura: la sentenza “non cambia il costante impegno della Chiesa volto ad assicurare la sicurezza dei bambini”. Ma l’arcivescovo di Sidney chiede “una più ampia riflessione sul nostro sistema di giustizia”

Una sola è l’opera decisiva e definitiva del Figlio: la vittoria sulla morte attraverso la Pasqua, anticipata in questa vita, in chi crede, dalla vittoria sulla paura della morte che, finché rimane operativa, sarà la sorgente oscura di tutto ciò che in noi è menzogna, violenza, disperazione.

Dio sa, perché ha accettato di assumere in sé tutto questo, cosa si prova a perdere una persona cara, a non averle potuto dire addio, a non aver potuto nemmeno assistere al suo funerale… Dio sa, perché l’ha vissuto, cosa sta provando tanta gente in questi giorni strani e tristi, i giorni del coronavirus.

Il cielo è fosco, la pioggia sferza l’abito bianco di Francesco, infligge nuovi tormenti al corpo di quello stesso Crocifisso che mezzo millennio fa venne invocato dai fedeli contro la peste. Ed ora se ne sta lì, le braccia stese, le labbra aperte, vicino all’icona di Maria “salvezza del popolo romano” che una pia leggenda vuole dipinta dall’evangelista san Luca.

Papa Francesco celebrerà i Riti della Settimana Santa all’Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro senza popolo e presiederà la Via Crucis dai gradini della basilica il Venerdì Santo. Lo comunica la Sala Stampa della Santa Sede.

La richiesta del Papa di ricorrere a una grande preghiera universale di intercessione, a qualcuno potrebbe sembrare un ritirarsi nello spirituale di fronte alla minaccia incombente, mentre altri sono in prima linea. In realtà, la preghiera di intercessione è tutto meno che una ritirata nell’intimità di un rapporto solo interiore con Dio.

Martire dell'ordinario, santo della porta accanto (in questo caso della canonica), don Giuseppe Beardelli ha rinunciato al respiratore per uno più giovane

Il cristiano è colui che avanza nel buio con la luce della fede e scruta la realtà da un altro punto di vista, quello dal quale tutti possono ma nessuno vuole vedere!

“Il cristiano – per dirla con Papa Francesco - ha piedi per terra e sguardo in Cielo”. Davanti ai “segni del tempo” è necessario interrogarsi per crescere. È necessario dunque riflettere, meditare, ed eventualmente scorgere il Signore che passa e bussa e chiede attenzione.

I Presidenti dei due organismi che rappresentano le Conferenze Episcopali dei paesi europei, COMECE E CEE, il cardinal Jean-Claude Card. Hollerich e il cardinal Angelo Bagnasco chiedono ai credenti di tutte le nazioni di unirsi in preghiera in questo difficile momento storico a causa del Coronavirus 19.