Chiesa

Si sono svolti in Albania gli "stati generali" degli ordini religiosi maschili e femminili. Fra i temi: ecclesialità, profezia, pace, carità

"Se ci accostiamo alla santa Comunione senza essere sinceramente disposti a lavarci i piedi gli uni gli altri, noi non riconosciamo il Corpo del Signore". Lo ha detto papa Francesco questa mattina in piazza San Pietro. Ricordato il Papa polacco a dieci anni dalla sua scomparsa. Il pontefice ha ricordato anche i martiri cristiani, a partire da don Andrea Santoro.

Un vero pellegrinaggio, una forte esperienza spirituale, senza concessioni al turismo religioso. Il vescovo di Macerata, Nazzareno Marconi: "Non abbiamo inventato nulla di nuovo. Si stanno moltiplicando le richieste, da tutta Italia, di assistenza a gruppi giovanili... siamo convinti che il pellegrinaggio non formi solo oggetto di devota memoria, ma sia, piuttosto, pratica religiosa viva ed attuale"

Oltre 4mila fedeli provenienti dalle cinque diocesi salentine (Lecce, Otranto, Brindisi-Ostuni, Nardò-Gallipoli e Ugento-Santa Maria di Leuca) hanno camminato nella notte dietro alla croce, guidati dai loro vescovi, percorrendo 5 chilometri da Gagliano del Capo fino al santuario di Santa Maria di Leuca. L'appello alle istituzioni: trovare insieme le giuste risposte alla grave calamità della Xylella fastidiosa, il batterio killer che sta distruggendo gli ulivi

Matteo Calabresi, responsabile del Servizio per la promozione del Sostegno economico alla Chiesa cattolica: "L'anello debole della promozione sono i sacerdoti che forse spinti dal pudore del 'non sappia la mano sinistra di ciò che fa la destra' evitano di parlare di risorse economiche e di denaro. Al contrario, i fedeli apprezzano molto che se ne parli".

Una rilettura ragionata, a cavallo fra Antico e Nuovo Testamento. La parola misericordia compare circa 145 volte nella nuova traduzione della Bibbia Cei, anche se nelle lingue originali della Scrittura (l'ebraico e il greco) non esiste un'unica parola che corrisponde all'italiano misericordia, e ciò comporta una certa varietà di traduzione.

Celebrazione delle Palme in piazza San Pietro. "C'è una strada contraria a quella di Cristo: la mondanità", ha detto il Papa. U invito ai giovani a proseguire il cammino in preparazione a Cracovia 2016.

Visitare i fratelli evangelici in una delle loro sedi storiche è un gesto che "riempie il futuro". Ma è tutto l'incontro con questa Chiesa, a partire dalla Sindone e dal Cottolengo, che si annuncia come un momento felice di umanesimo cristiano. A cui si aggiunge la volontà espressa dall'arcivescovo Nosiglia di consegnare nelle mani del Papa le elemosine dei pellegrini della Sindone.

Don Giuseppe, e con lui don Giovanni Nervo, sono stati realmente presenze profetiche per la nostra Chiesa, a tratti scomode e perfino discusse ma capaci d'indicare con chiarezza la direzione verso cui tendere e, al tempo stesso, strenuamente impegnate a dare concretezza alle loro intuizioni.

Questa la proposta alle diocesi del Servizio nazionale per la pastorale giovanile per la Giornata mondiale della gioventù che si celebra nella Domenica delle Palme. Lo spunto dalle parole di Papa Francesco: "Dove c'è un muro, c'è chiusura di cuore. Servono ponti, non muri!". Da piazza San Pietro partirà il pellegrinaggio del Crocifisso di San Damiano e della Madonna di Loreto: un anno in giro nelle diocesi

Francesco Antonetti è il presidente della Confederazione delle Confraternite che raggruppa circa tremila tra quelle canonicamente riconosciute nelle diocesi, con un milione e mezzo di confratelli: "Volendo, il primo articolo recita: nessuna liceità per cose lontane dal Vangelo e, quindi, immorali". La necessità della formazione cristiana. Parte dei ricavi delle feste destinata alla carità

Consiglio permanente Cei. Ferma posizione del cardinale presidente, Angelo Bagnasco: "Non sarà di certo una macabra bandiera nera issata al posto di un crocifisso divelto che potrà uccidere l’amore di Cristo". Fra i temi trattati anche il "grande dono" del Giubileo della Misericordia, il malaffare e il malcostume, la domanda di lavoro, la buona politica e la necessità di opporsi al dilagare della teoria del gender.

Consiglio permanente Cei. Amare l’uomo in tutte le sue condizioni, di perseguitato per la propria fede, di disoccupato perché derubato del lavoro dal malaffare, di bambino e giovane pressato dalla teoria del gender, di migrante che attraversa il mare alla ricerca di futuro... ecco l’impegno. Contate su di noi

L’iniziativa è stata ideata dall’associazione Sant’Anselmo-Imago Veritatis con la collaborazione di monsignor Timothy Verdon, direttore del museo del Duomo di Firenze. Andrea Gianni, presidente dell’associazione, sul capolavoro del Beato Angelico: "Non una fruizione meramente estetica o emozionale, bensì come invito a mantenere uno sguardo contemplativo sulla passione e morte di Cristo".

Giubileo.  A ciascuno è chiesto di lasciarsi incontrare da Cristo, di farsi raggiungere dal suo amore misericordioso. Si lascia accarezzare da Dio chi riconosce il proprio peccato con umiltà. In questo senso il peccato dell'uomo è il luogo privilegiato dell'incontro con Gesù Cristo, che è venuto non per i sani, ma per i malati.

Giornata intensissima quella vissuta da Francesco. Dopo il prologo a Pompei, eccolo a Scampia. Poi un lungo, interminabile corpo a corpo, con un popolo entusiasta al quale non si è mai sottratto: "Siamo tutti napolitani…". Il "miracolo" del sangue di San Gennaro che si è liquefatto. L’inconfondibile augurio: "E ca a’ Maronna v’accumpagne!". Il saluto, uno a uno, di tutti i 120 detenuti a Poggioreale.

"Il Vangelo: lì possiamo incontrare Gesù, ascoltarlo, conoscerlo - ha detto il Papa. Il crocifisso: segno dell’amore di Gesù che ha dato sé stesso per noi. E poi una fede che si traduce in gesti semplici di carità fraterna. Ma principalmente nella coerenza di vita tra quello che diciamo e quello che viviamo, coerenza tra la nostra fede e la nostra vita, tra le nostre parole e le nostre azioni. Vangelo, crocifisso, testimonianza.