Commento al Vangelo
stampa

Lo sguardo d'amore di Gesù

Parole chiave: agensir (678), vangelo (24), gesù (13)
Lo sguardo d'amore di Gesù

Più della domanda colpisce il gesto: un tale corre incontro a Gesù e gli si butta in ginocchio davanti. È un uomo che cerca una svolta credibile alla propria vita, qualcosa di nuovo che la completi: “Per avere la vita eterna”. Gesù lo riporta a terra, alla vita fedele ai comandamenti, all’adorabile quotidianità del momento presente. Era stato chiamato “Maestro buono”. Gesù sembra contestare il titolo e lo riconduce a Dio solo, in qualche modo nascondendosi dentro la propria assoluta fedeltà e unità con Dio Padre.
Gesù riserva uno sguardo singolare a chi vuole fare un passo in più: “Lo amò” al punto da proporgli l’ultimo valico dell’amore totale che è libertà assoluta da tutto e sequela appassionata del Maestro. All’amore si ribatte con l’amore; è il primato di Dio a convincere che le cose sono seconde. Invece del passo avanti, l’uomo si ferma. Invece della felicità singolare, si fa triste e si scosta, tornando indietro; perché “possedeva molti beni”. Le sue agiatezze contavano più della scelta di trovare in Gesù ogni bene.
Gesù ha un nuovo “sguardo intorno” che si posa su quelli che sono suoi, i discepoli, persuadendoli su quanto sia difficile la condizione di ognuno davanti alla scelta dell’amore esigente. È tutta l’umanità (il cammello) davanti alla prova della porta stretta quanto la cruna di un ago. Allo stupore incredulo dei discepoli e alla loro rassegnata incapacità, si rivolge un terzo sguardo del Signore con l’offerta della potenza compassionevole di Dio, dinanzi alla quale tutto si apre e rende accessibile la salvezza; non per merito delle nostre imprese, ma per l’opera invincibile del suo amore.
Gesù sta andando verso Gerusalemme, verso la croce e la resurrezione gloriosa, in obbedienza al Padre “buono”. Nel gesto, nelle parole e nella tristezza di un uomo maturo che aveva osservato i comandamenti fin dalla giovinezza, sembra raccontata la storia di Israele, amato da Dio. È l’Israele fedele a cui manca solo il transito alla legge del Vangelo, pienezza dello Spirito, scelta di Dio e sequela di Gesù, per ritrovare un tesoro capace di durare in cielo.

Fonte: Sir
Lo sguardo d'amore di Gesù
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento