Sport
stampa

Cosenza pronta a riscrivere la storia

Per i Lupi la serie B manca da troppo tempo

Sabato la finale di a Pescara contro il Robur Siena

Parole chiave: cosenza calcio (81)
Cosenza pronta a riscrivere la storia

Sono passati 15 anni dalla stagione 2002-2003, l’annata più terribile per la Cosenza calcistica della sua ultracentenaria storia. Alla fine di quel campionato, la squadra rossoblù veniva radiata da ogni competizione, precludendo la possibilità del grande calcio alla città dei Bruzi. Negli anni immediatamente a seguire, le umiliazioni per la piazza silana si ingigantirono con la presenza di due squadre che acuirono tensioni e discordie interne alla tifoserie, poi culminata con l’invasione di campo durante il derby tra FC Cosenza e Cosenza calcio 1914 S.p.A. Poi, tralasciando il biennio firmato da Mimmo Toscano, del doppio salto dalla D alla C1, il calcio a Cosenza ha assunto conformazioni chimeriche. Fallimenti, rinascite, stagioni giocate senza una reale ragion d’essere, ma solo perché costretti, quasi come a dover disputare ed organizzare controvoglia i tornei. Delusioni inframmezzate da sporadici e istantanei momenti di gloria.

Il 10 giugno, invece, Cosenza ha un nuovissimo motivo per tornare a parlare di calcio in un certo modo. Al termine di un campionato che non aveva assolutamente entusiasmato e animato un movimento, nei playoff la squadra di Piero Braglia, vero artefice della conquista dell’accesso alla finale, ha ribaltato il banco ergendosi prepotentemente a squadra di mente e di cuore, di intelligenza e di passione e ardore combattivo.

Quando al 94°, Frascatore ha insaccato nella porta sbagliata il gol del raddoppio decisivo, a buttarlo dentro quel pallone è stata l’imponente onda d’urto dei circa 18mila cuori rossoblu assiepati sugli spalti del “Marulla”. E poi la festa che si è protratta fino alle prime luci dell’alba nel centro città. Orbene, quella vittoria ha definitivamente squarciato quel “velo di Maya” che, in ultima difesa, rendeva quasi illusorio il momento vissuto dalla piazza silana. Ma il ruggito di Baclet, la lungimiranza tecnica di Braglia e la carambola difensiva sudtirolese ha reso l’astratto, il sogno, in un’entità materiale, concreta: il Cosenza il 16 di giugno andrà a contendere la promozione in Serie B contro il Robur (dal latino “forza”) Siena. Inoltre, la speranza della Serie B è data dal fatto che molte squadre, come Bari, Foggia, rischiano la non iscrizione al prossimo campionato. Il traguardo, però, è bene che lo si raggiunga con la vittoria, una grande Vittoria in quell’Adriatico di Pescara, che, se un tempo significò spareggio salvezza, ora potrebbe significare promozione. 

Cosenza pronta a riscrivere la storia
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento