Primo Piano

Papa Francesco ai settimanali cattolici al termine dell'udienza giubilare

Nel 2016 la Federazione italiana dei settimanali cattolici celebra i cinquant'anni dalla fondazione. Il primo evento per ricordare quest'importante anniversario sarà la partecipazione, sabato 9 aprile, all'udienza giubilare con Papa Francesco in piazza San Pietro. "Dobbiamo essere costruttori di ponti", dice il presidente della Fisc, Francesco Zanotti. E continuare "a lavorare di ago e filo per cucire".

Il documento, frutto del lavoro degli ultimi tre anni, vuole aggiornare l'approccio della Chiesa sui temi della famiglia. Costanti aggiornamenti nei prossimi giorni.

“Più in alto più lontano - Don Giuseppe Cacciami sacerdote, educatore, giornalista”. Nel quarto anniversario della morte, un libro ricorda la figura di “un gigante” della storia della Federazione italiana settimanali cattolici. Presidente dal 1980 al 1986, Cacciami ha rappresentato e ancor oggi rappresenta un punto-luce che illumina un percorso tra passato e futuro. Attualissima la sua lezione di fede, di umanità, di acutissima professionalità giornalistica.

I dieci Paesi del mondo più accoglienti sono oggi la Turchia, con oltre 2 milioni di profughi (siriani); il Pakistan, con 1 milione e mezzo (afgani); il Libano con 1 milione e 200mila (siriani); l’Iran, con 1 milione (afgani); l’Etiopia, con 700mila (sud sudanesi, somali, eritrei); la Giordania, con 650mila (siriani); il Kenya, con 550mila (somali); l’Uganda, con 428mila (sud sudanesi); il Ciad, con 420 mila; il Sudan, con 356 mila (sud sudanesi).

Quali sono le paure, le preoccupazioni e le difficoltà che ostacolano un giovane a fare una scelta radicale come quella di intraprendere un cammino vocazionale e spirituale?
Ne abbiamo parlato con monsignor Nico Dal Molin, direttore della  Pastorale delle Vocazioni della Conferenza Episcopale Italiana

Alla scoperta di Radio InBlu, l'emittente di ispirazione cristiana al servizio delle radio presenti sul territorio. InBlu racchiude nella sua rete 120 radio diocesane, sei quelle calabresi. Attraverso un tour vi accompagniamo virtualmente negli studi della sede di Roma facendovi conoscere da vicino il lavoro che sta dietro un programma o un giornale radio. Grande attenzione viene riservata a particolari eventi religiosi, sociali, culturali e musicali.

Il prossimo 27 marzo si aprirà il sesto centenario della nascita di San Francesco di Paola che coincide con il Giubileo della Misericordia. Sarà un tempo di grazia utile a riscoprire il carisma del santo patrono della  Calabria la cui fiamma, comparsa sulla sua casa il giorno della nascita, continua ad essere luce per la Chiesa

Da Francesco la denuncia dell’indifferenza sistemica nei confronti delle piaghe del nostro tempo. Un atteggiamento che certo accompagna le scelte dei grandi di questo mondo, ma che riguarda ciascuno, legato com’è a diverse forme di individualismo che producono isolamento, ignoranza, egoismo e conseguentemente disimpegno.

Povera, essenziale, variegata e priva di grassi. Sono queste le caratteristiche principali dell'alimentazione quaresimale dell'eremita paolano. Uno stile di vita semplice prescritto anche nel quarto voto dell'Ordine religioso da lui fondato e che oggi può rappresentare una risposta cristiana ai bisogni spirituali della cultura consumistica.

Non è stato solo un pellegrinaggio ai luoghi santi della vita di Cristo, ma anche un viaggio dentro le pietre vive che ancora oggi li abitano. Si è chiusa il 20 novembre, a Betlemme, con una messa alla grotta della Natività, la visita della delegazione di giornalisti della Federazione italiana settimanali cattolici (Fisc) in Terra Santa e a Gaza, organizzata con il Servizio Cei per gli interventi caritativi a favore dei Paesi del Terzo Mondo, nell’ambito dell’iniziativa “8×1000 senza frontiere”.

Colloquio a tutto campo con il segretario per i Rapporti con gli Stati dopo gli attentati di Parigi. “Di fronte a queste atrocità, sempre intollerabili e mai giustificate, il mondo intero deve unirsi per salvaguardare la dignità della persona umana”. Sullo Stato islamico: “Come è possibile dialogare con chi non è sensibile al dialogo e rifiuta di conoscere l’umanità dell’altro? Com’è possibile dialogare quando ci sono posizioni fondamentaliste? In questo momento particolare vedo il dialogo molto difficile”.

Parigi di nuovo nella morsa del terrore. Si sono susseguiti fino a notte tarda attentati a colpi di kalashnikov e azioni kamikaze. Il bilancio è di oltre 120 morti e di oltre 19o feriti – tra loro anche 2 italiani -, di cui 99 in modo grave. Fra i morti anche 8 terroristi (6 kamikaze). Decretati lo stato di emergenza e la chiusura delle frontiere. I vescovi francesi: “Uniti resteremo davanti a coloro che vogliono farci paura”.

“Continuare a seguire con slancio rinnovato la parola di Gesù oggi”. È questo incoraggiamento che i giornali aderenti alla Federazione italiana settimanali cattolici, in uscita in questi giorni, si aspettano dall’appuntamento della Chiesa italiana, che inizia lunedì 9 novembre.

Ogni innovazione, per essere davvero efficace, deve avere un’anima e un’ispirazione. L’anima: la Chiesa in uscita. L’ispirazione: valorizzare la notizia. Con i settimanali cattolici della Fisc un lavoro costruito secondo due principi regolatori: sinergia e sussidiarietà. L’impegno: il Sir si muoverà secondo la traccia di Papa Francesco: “La realtà è superiore all’idea”. La realtà, ovvero la materia prima di chi fa comunicazione.

"È il tempo della misericordia". È quanto è emerso dal Sinodo dei vescovi sulla famiglia, sottolineano i giornali aderenti alla Fisc, in uscita in questi giorni, riprendendo le parole del Papa nella messa conclusiva dell’Assemblea. "La Chiesa che il Sinodo manifesta oggi – rilevano le testate Fisc - ha il volto della madre, che sorride con i figli buoni e obbedienti, piange con quelli sofferenti, richiama quelli erranti, ma non ha fretta di condannarli".

La piccola cittadina di Tarsia ha deciso di ospitare il luogo di sepoltura delle vittime dei naufragi nel Mediterraneo. Nello stesso territorio sono sepolti molti ebrei che trovarono la morte dopo la deportazione nel lager di Ferramonti, il principale campo di concentramento aperto dal regime fascista.

I settimanali cattolici, in uscita in questi giorni, concentrano l'attenzione sull'Assemblea che si conclude domenica 25 con la celebrazione presieduta da Papa Francesco nella basilica vaticana. "Aumentano l'interesse e l'attesa per eventuali indicazioni - rilevano le testate della Fisc -, che troveranno comunque la sintesi nel pronunciamento autorevole di Francesco".

Papa Francesco definisce l'angelo custode come un compagno di cammino, che ci guida. Il Catechismo della Chiesa Cattolica dice che "l'esistenza degli esseri  spirituali, che la Sacra Scrittura chiama angeli, è una verità di fede.  In tutto il loro essere sono servitori e messaggeri di Dio". Ma scopriamo qual è la loro missione. Lo studioso, Monsignor Brambilla, si sofferma sul servizio e sulla nostalgia degli esseri intermedi tra Dio e il mondo.

Cosa mangiò Gesù durante l’Ultima Cena? Dove si svolse? Quando? In che modo? A questi interrogativi hanno cercato di fornire una risposta due archeologi torinesi e specialisti in cibo antico attraverso un "diario giornaliero realizzato su uno scavo archeologico". I risultati della ricerca sono stati raccolti dagli autori in un libro dal titolo "Gerusalemme: l'Ultima Cena", edito da Ananke.