Editoriali
stampa

Quella cara bacchetta

Oggi le insegnanti stiano attente a convocare i genitori o saranno loro a prendere le bacchettate.

Parole chiave: bacchetta (1), aggressione (1), maestra (1), insegnanti (2), scuola (37), formazione (5)
Quella cara bacchetta

Una volta c’era in classe la bacchetta, con tanto di luogo o di alunno per custodirla. Veniva “dolcemente” utilizzata sulle mani del monello, di chi non studiava, di chi mancava di rispetto. I tempi sono cambiati, i metodi altrettanto. Non possiamo pensare più di riproporre un sano scappellotto che faceva meno male di quanto si pensa al corpo ma molto all’anima… però non è permesso nemmeno al genitore di aggredire l’insegnante o il preside. Se un educatore non ha il diritto di rimprovero su un ragazzo per la marachella commessa, perché non ha studiato, siamo alla frutta! E che il pasto della scuola sia in parte concluso lo sappiamo tutti. Ci si chiede perché si cercano, nella mancanza di fondi o nelle strutture precarie, le cause del decadimento della scuola…  si studiano formule di indipendenza scolastica, progetti educativi, proposte di alternanza scuola-lavoro… tutte cose buone ma forse con scarsi risultati, almeno nella percezione generale. Mi chiedo ma quelli che sono stati i grandi dell’Italia, formatori e maestri di vita e di cultura, filosofi e uomini di alta politica, sono stati così penalizzati da quella formula di scuola dove si imparavano ancora poesie e tabelline, l’insegnante si chiamava maestra, e si doveva badare al braciere e cantare l’inno nazionale? E se prendevi una punizione, la maestra come primo alleato trovava la famiglia alla quale, prudentemente, non si raccontava la bacchettata o il rimprovero… a casa avrebbero dato ragione a lei. Oggi le insegnanti stiano attente a convocare i genitori o saranno loro a prendere le bacchettate.

Tutti i diritti riservati
Quella cara bacchetta
  • Attualmente 4 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 4/5 (1 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento