Attualità

Nei campi di rifugiati in Uganda vivono oggi decine di migliaia di persone. Sono scappate dal Sud Sudan messo a fuoco e fiamme dagli scontri armati. E capita che, nello stesso campo, possano ritrovarsi persone appartenenti a tribù diverse, che di là del confine si combattono aspramente e di qua dal confine cercano di sopravvivere. E di conoscersi. Ad aiutarli nel cammino del dialogo e della convivenza pacifica c’è una radio, Radio Pacis, diretta da padre Tonino Pasolini, missionario comboniano originario di Cesena. Nei giorni scorsi p. Pasolini è stato in visita all’Ufficio missionario della diocesi di Bolzano-Bressanone che lo sostiene con un progetto di cooperazione allo sviluppo.

Dieci cose da sapere su un fenomeno che, dal 2014, ha profondamente trasformato le nostre città e le nostre vite: il jihadismo. Abbiamo chiesto al professore Paolo Branca, esperto di islam e docente all'Università Cattolica di Milano, di stilarci un decalogo sugli aspetti più importanti del fenomeno, da dove nasce, come si trasforma, chi c'è dietro e come e chi lo deve combattere.

A parlare della difficile situazione in Venezuela è Riccardo Noury, portavoce di Amnesty international - Italia, che sta monitorando attentamente le violazioni dei diritti umani. Amnesty è preoccupata dell'uso eccessivo della forza da parte del governo Maduro e dei rischi di un possibile embargo da parte della comunità internazionale: "I diritti economici e sociali della popolazione devono essere salvaguardati. Perché se già la popolazione è alla fame con l'embargo la situazione non può che peggiorare". La posizione di Amnesty è quella di Papa Francesco: "Per un bene e un fine comune e superiore bisogna mettersi intorno a un tavolo e parlare".

Un albero attaccato alla terra con antiche e solide radici da cui trae energia per rigenerarsi e al tempo stesso slanciato, verso l’alto, con i suoi tanti e variopinti rami: è il logo dell’edizione XXXVIII del Meeting per l’amicizia fra i popoli che rilegge così le parole del tema, tratte dal Faust di Goethe, “Quello che tu erediti dai tuoi padri, riguadagnatelo, per possederlo”. Come tradizione ad ospitare l’evento, quest'anno dal 20 al 26 agosto, la Fiera di Rimini. Intervista al presidente del Meeting, Emilia Guarnieri.

Quattro arresti nella provincia di Catania, con l'accusa di atti di violenza sessuale, commessi su minorenni, all'interno di una pseudo-congregazione religiosa, giustificandoli come azioni mistiche spirituali. I sociologi chiamano il fenomeno e tutto il business dei santoni "il terziario" religioso e in Italia non è per nulla in via di estinzione. Una realtà "fluida" che sfugge al censimento. Si va dal mago a pagamento al guaritore, a quello che legge le carte. Almeno due i "segnali" a cui fare attenzione: l'illecito scambio economico e l'approccio fisico al corpo.

Dal 7 al 30 agosto, è attesa da un’esperienza estiva di servizio con altri 11 ragazzi del suo oratorio (Santa Maria della Vittoria nella città di Brescia) accompagnati dal curato, padre Benedetto. La destinazione è il Mozambico, precisamente Mocodoene, lì dove è attiva la congregazione la Congregazione Sacra Famiglia di Nazareth. Al ritorno è, invece, attesa da un nuovo percorso scolastico in Scienze religiose.

L’iniziativa, proposta dal 2014, è stata premiata dalla Regione Lombardia tra i migliori progetti sulla legalità e porta gli studenti delle scuole superiori dietro le sbarre, a lavorare e a trascorrere il tempo a stretto contatto con altri giovani, che quella soglia l’hanno passata per scontare una pena. Cineforum, laboratorio di cucina, scrittura creativa, queste alcune delle attività che carcerati e ragazzi svolgono insieme.

Se ne discuterà di nuovo a settembre. In quel frangente la concomitanza con la legge di bilancio – passaggio cruciale dell'ultimo scorcio della legislatura – non sembrerebbe proprio il miglior viatico per un confronto positivo tra le forze politiche. Viceversa, potrebbe giovare la considerazione che a quel punto il tema delle elezioni anticipate sarebbe materialmente fuori gioco...

Scompare Paolo Villaggio a 84 anni. Attore comico tra teatro, televisione e tanto cinema con Monicelli, Steno, Fellini e Olmi. Rimarrà nella memoria comune il personaggio tenero e grottesco del rag. Ugo Fantozzi, emblema della sudditanza dell’impiegato moderno

I dati sono di per sé emblematici: 88 milioni di tonnellate di cibo gettate ogni anno nell’Ue. Dalla normativa francese del 2016 è giunta una spinta, il Parlamento europeo ha raccolto la sfida. Iniziative per evitare di far finire gli alimenti nella spazzatura si vanno moltiplicando dalla Danimarca alla Polonia, dall'Italia ai Paesi Bassi. Perché - non va dimenticato - nel mondo milioni di persone ancora oggi non hanno cibo a sufficienza e c'è chi muore di fame.

La cultura supera le sbarre. Nelle parole del rettore dell’Università della Calabria, Gino Mirocle Crisci, il compito che l’Ateneo calabrese sta avviando. Ma quello di Cosenza non è il primo modello. Ce ne sono altri in Italia e rispondono alla stessa esigenza: “Dare speranza al territorio e a chi ha sbagliato”.

Sono oltre 5 milioni i cittadini stranieri in Italia, l'8,3% della popolazione. Il 58,7% degli 814.851 alunni stranieri nelle scuole italiane sono nati in Italia. Le nuove generazioni sono al centro della XXVI edizione del Rapporto immigrazione 2016 di Caritas italiana e Fondazione Migrantes: tra le novità, l'aumento dei matrimoni misti e il calo dei matrimoni stranieri. L'insediamento stabile delle famiglie immigrate, che compensa il calo di natalità e l'invecchiamento della popolazione italiana, avrà effetti demografici e sociali sempre più importanti per la società italiana.

La conclusione della Banca centrale europea è piuttosto chiara: “Combinando le stime dei disoccupati e dei sottoccupati con misure più ampie di disoccupazione emerge che l’eccesso di offerta nei mercati del lavoro interessa attualmente circa il 18% della forza lavoro estesa dell’area dell’euro. Questo grado di sottoutilizzo è quasi doppio rispetto a quello catturato dal tasso di disoccupazione”. In Italia sfiora addirittura il 25%.

Una volta Paese di partenze di migranti, ora luogo di passaggio verso la Libia (ma alcuni riescono ancora ad imbarcarsi dai porti del nord), la Tunisia sta cercando, con fatica, una sua stabilità democratica e un suo sviluppo, dopo i moti della primavera araba e gli attentati terroristici di due anni fa. Ce ne parla mons. Ilario Antoniazzi, arcivescovo di Tunisi dal 2013.

C'è da considerare che il sistema elettorale dei comuni ha premiato coalizioni che a livello nazionale attualmente non esistono e che il sistema elettorale ereditato dalle sentenze della Corte costituzionale incoraggia soltanto al Senato

Il programma dell'Unione europea, partito nel 1987, ha permesso a 9 milioni di studenti di viaggiare e studiare in un altro Paese. Celebrazioni a Strasburgo. Da Commissione e Parlamento l'impegno a dedicare maggiori fondi per il rinnovato Erasmus+. Il presidente della Commissione: "è la risposta all'egoismo nazionale, è un simbolo di una Unione che si apre al futuro". Tajani (Europarlamento), "deve essere una possibilità per tutti i giovani europei"

Papa Francesco ha chiesto alla sezione Migranti e Rifugiati del nuovo Dicastero per il servizio allo sviluppo umano integrale di trovare occasioni per una azione di advocacy a favore dei diritti e della dignità di tutti i migranti e rifugiati. Al "Global compact for refugees" che l'Onu promuove nel 2018 la Santa Sede sarà presente con proposte di cui si sta discutendo oggi. Ce ne parla padre Fabio Baggio

Carenza di farmaci e presidi medico-sanitari, mancanza di medici e paramedici negli ospedali, strumentazioni diagnostiche non adeguate. A pagare la crisi della Grecia è anche il suo sistema sanitario - che in questi sette anni di crisi sembra conoscere solo tagli - e, ovviamente, i suoi cittadini. Nella popolazione aumentano i suicidi e l'incidenza della depressione, la vera "malattia della crisi". Comincia a farsi largo il fenomeno dell'auto-terapia. A fronte di medici che lasciano il Paese ce ne sono tanti altri che con passione, competenza e senso del dovere portano avanti la loro missione contribuendo a tenere in piedi il sistema sanitario nazionale.

Chris Field, Katharine Mach e Michael Wara, docenti del noto ateneo della California, valutano la decisione dell'amministrazione statunitense. Washington intende venir meno ai patti sottoscritti nel 2015 con altri 194 Paesi per ridurre le emissioni inquinanti che causano il riscaldamento globale provocando danni enormi all'ambiente, ai sistemi economici e alla qualità della vita.

“Lavoro, oratori, protagonisti, speranza, futuro, Gesù, vicinanza e ascolto”: sono queste le parole che compongono il vocabolario della Chiesa per i giovani. Ad elencarle, a pochi giorni dalla 70ma assemblea generale della Cei, dedicata proprio ai giovani, è lo psichiatra Vittorino Andreoli. Ma le parole "più belle" che hanno usato i vescovi sono state: "La Chiesa vi è vicina e vi vuole bene e facciamo spazio ai giovani e ai ragazzi perché possano sentirsi accolti, amati, ascoltati”.

È una pratica  mortale che, attraverso i social, si sta diffondendo soprattutto tra i ragazzi più fragili.

L'Italia è tra i primi 10 Paesi al mondo dove l'infanzia incontra le condizioni più favorevoli. Al primo posto la Norvegia, all'ultimo il Niger. Secondo il rapporto di Save the children l'infanzia viene ancora negata a 700 milioni di bambini nel mondo, 1 su 4.

Il Paese rimane “unito di fronte al male”. "L'oscurità del male non ci travolgerà". Reagiscono i leader religiosi al terribile attacco terroristico di Manchester che ha provocato la morte di 22 persone. Tra le vittime purtroppo anche bambini e adolescenti, accorsi in migliaia per partecipare al concerto di Ariana Grande. Cattolici, anglicani, musulmani ed ebrei: unanime la condanna di ogni violenza.